Aiutaci ad aiutarli!

Regalaci una donazione tramite PayPal:

5per1000:
La tua goccia per noi è un oceano.

Per ulteriori informazioni su come effettuare donazioni via bonifico o bollettino postale, e per scoprire altri modi di aiutarci, CLICCA QUI

Appuntamento col Pettirosso

Al Museo del Castagno via San Giacomo 724 – Zocca (per info.340.0985612)
Sabato 16 Luglio – ore 21,30 – “ Bat night – La notte dei pipistrelli” Una passeggiata alla ricerca dei pipistrelli utilizzando il bat detector, strumento che rileva gli ultrasuoni emessi dai pipistrelli .
A cura dell’associazione La Nottola APS-ASD. Relatore Calzolari Roberto. Nell’ambito della serata, saranno presenti i Volontari del Centro Fauna Selvatica “IL PETTIROSSO” che faranno conoscere alcuni esemplari di chirotteri recuperati. Al termine avverrà la loro liberazione. (per info.339.3535192)

13710008_1020757087974108_5429714902018060218_n

Sei un invitato speciale!

Torna l’ormai tanto atteso appuntamento per grandi e piccini..
La Notte delle Civette

 

Ancora liberazioni

Noi oggi abbiamo liberato alcuni rondoni, un moscardino e una garzetta….
Domani, chissà… Sicuramente qualcuno riprenderà la libertà anche perchè dall’inizio dell’anno sono già oltre i 2000 animali entrati al Pettirosso.

 

Il piccolo scoiattolo

Non è un amore???

 

Vivi il bosco

Torna la due giorni di formazione per vivere il bosco in modo corretto e traendone le esperienze migliori. Appuntamento sabato 25 e domenica 26 giugno, aperte le iscrizioni

Liberazione di caprioli

Domani pomeriggio alle 16 circa, alle Piane di Mocogno nell’Appennino Modenese, i volontari del Centro il Pettirosso e il Sindaco di Lama Mocogno riconsegneranno alla natura quattro splendidi esemplari di capriolo, recuperati in aree collinari reduci da incidenti. La scelta del luogo è sempre molto oculata: l’area è stata decisa dai locali per la bassissima incidenza agricola, la forte presenza turistica di questa bellissima zona e la lontananza con strade principali. Dopo aver per anni liberato esemplari all’Adamello l’Appennino modenese comincia a spopolarsi di caprioli a elevato livello genetico, per questo gli animali tornano a casa loro.

capri